Saturno in Scorpione e Plutone in Capricorno


« Saturne en Scorpion en réception mutuelle à Pluton en Capricorne »

Tradotto dall’articolo Giorgio Mangini

Image

Spazio alla lucidità e all’autenticità!

Prossimamente Saturno entrerà nel dominio di Plutone, il quale si trova, dal 2008 nel segno del Capricorno, dominio di Saturno. Il pianeta dalla lugubre reputazione penetrerà nella oscurità plutoniana il 5 ottobre ‘012 alle 20.34 GMT per uscirne definitivamente solo nel settembre 2015. Quando il quadrato fra Plutone ed Urano si abbandona alla gioia di maltrattare certi astri ed i relativi settori, ci sono tutte le ragioni per temere un oscuramento della morale, con l’avvento del clima di austerità in cui siamo entrati. Eppure, contro ogni previsione, l’ingresso di Saturno in Scorpione sarà un balsamo per i cuori, ormai da molto tempo atteso.

Sul piano generale questo clima astrologico di morosità ambientale dovrà coincidere con un inasprimento del clima sociale ed economico. A livello collettivo, le coscienze si troveranno a dover fare i conti con certe realtà, individualmente sarà l’ora del bilancio, sarà il momento di fare il punto su quanto e come « pagare » per determinate azioni precedenti, ed il conto potrà essere salato. Si vedranno riemergere i fantasmi usciti dall’armadio del passato, o ciò che è stato deliberatamente nascosto verrà alla luce. Questo periodo sarà quello di una cruda lucidità, di verità emerse in primo piano, di presa di coscienza e non ci sarà spazio per la fuga. Saturno sarà in Scorpione, in aspetto al suo governatore, Plutone, aiuterà a responsabilizzarsi, a misurare meglio la propria parte di colpa nelle azioni passate ed a responsabilizzarsi per un futuro immediato. La mutua reciprocità fra Saturno e Plutone permette di vedere una realtà da un volto così laido ed indigesto quale è. Durante questo periodo astrologico sarà il momento di separare il Grano dal Loglio.

Le generazioni nate sotto questo clima saranno caratterizzate da una profonda autenticità, la nozione di superfluo sparirà per lasciare il posto all’indispensabile. Una revisione dei valori ed una redistribuzione delle ricchezze si metterà in rotta in un arduo contesto. Questi cambiamenti potranno essere recepiti a livello collettivo da quando il trigono di Nettuno, armonico a questo Saturno plutonizzato porterà un cambiamento nel livello delle coscienze ed un percorso di ritorno ai valori umani. L’ingresso di Saturno in Scorpione giunge mentre Plutone effettua l’ultima rotazione sul primo decano del Capricorno, che sta distillando dal 2008 climi armonici o dissonanti secondo il contesto generale planetario.

L’asse Scorpione-Toro, sarà in prima fila ad assistere all’entrata in scena di Saturno, e certamente l’asse dei segni fissi, Toro, Leone, Scorpione e Acquario ed i relativi pianeti dovranno mostrare pazienza. Gli astri situati nei primi decani della Bilancia, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Capricorno, Acquario, Pesci, saranno tutti invitati al ballo quando molti dei segni zodiacali saranno già presi nell’ambito del quadrato Urano-Plutone, i pianeti nei primi decani del Sagittario e della Bilancia saranno  meno sensibili all’entrata del Sole in Scorpione. L’aspetto di minor effetto (il semi-sestile, di 30°), nel sestile fra Bilancia e Sagittario, per quanto piccolo, può essere percepito come un rifugio di pace, per gli astri situati nella prima decade del Sagittario, e soprattutto da quelli in Bilancia, messi sotto pressione dalla opposizione di Urano e dal quadrato a Plutone. Questo aspetto minore tra Saturno in Scorpione ed i pianeti in Bilancia, messi sotto pressione dall’opposizione di Urano e il quadrato su Plutone può essere favorevole per le dissonanze con Plutone.

Il quadrato di Plutone verso i pianeti in Bilancia, presenta delle difficoltà, perché è quadrato verso il basso, una maggior difficoltà che da una sensazione di netta diminuzione del libero arbitrio. La persona non può più riconoscere il cambiamento operato da Plutone, che quadrato con i pianeti inferiori, può corrispondere ad una crisi profonda, una discesa agli inferi, se il quadrato è reattivo al  suo tema. Se Saturno è visto come un uccello del malaugurio quando arriva direttamente su un pianeta natale, dissonante o reattivo alle opposizioni, quadrati o semi-quadrati preesistenti, non dimentichiamo che l’astro è portatore di soluzioni a lungo termine, quando distribuisce aspetti armoniosi. E’ precisamente questo clima di stabilizzazione, che si manifesterà dall’ottobre 2012 in numerose occasioni: in aspetto di sestile con Plutone, Saturno agirà come vera porta d’uscita e incanalerà le energie di Plutone, dando un senso alle distruzioni che corrispondono alla fase di quadratura Plutone Urano; dal 5 ottobre 2012, il sestile di Saturno in Scorpione a Plutone in Capricorno, in mutua reciprocità, imboccherà il passaggio della porta d’uscita attuale, il sestile Giove in Gemelli con Urano in Ariete. Una tappa salutare per il primo decano dei segni cardinali.   L’arrivo di Saturno nel primo decano dello Scorpione sarà il benvenuto per milioni di persone, toccate dal quadrato Plutone Urano. Saturno è rimasto stazionario negli ultimi gradi della Bilancia per due mesi, durante questo periodo il quadrato Urano Plutone raggiunge il colmo senza ricevere un solo aspetto armonico da Saturno. Saturno arriva in Scorpione  nel momento in cui Plutone si prepara a lasciare il primo decano del Capricorno. Plutone attraversa in questo momento, per un ultima volta il primo decano dell’asse Cancro-Capricorno, dove dal 2008, l’astro ha avuto il tempo di destrutturare le funzioni dei pianeti che vi si trovavano. L’astro, a passo lento, ha distribuito dal 2008 e per un paio d’anni dei trigoni verso i pianeti situati in Vergine e in Toro, ha formato dei solidi sestili ai pianeti in Scorpione e Pesci.

I pianeti natali, nutriti dalle armoniche di Plutone guadagnano in potenza, l’arrivo di Saturno in Scorpione va a consolidare questi trigoni già esistenti apportandogli delle belle aperture sociali o affettive. Il transito diretto di Plutone, il quadrato o l’opposizione impongono un cambiamento al quale le persone possono, in un primo tempo resistere prima di lasciare la presa, questi cambiamenti posseggono molta energia. Dopo il 2008 tutti i pianeti situati sul primo decano degli altri tre segni cardinali: Ariete, Cancro, Bilancia, riscoprono dopo molti mesi consecutivi l’atmosfera di Plutone- Urano, facendo confrontare le persone con delle situazioni nelle quali queste hanno l’impressione di aver perso la mano. Può essere una situazione apportata da un contesto esterno o che nasce da circostanze collettive. Queste disgrazie possono accompagnarsi a crisi esistenziali di un abbattimento psichico. Il colmo del quadrato Urano-Plutone ha per effetto di indurre ad una trasformazione radicale, o di vivere una morte simbolica. Da notare che questa trasformazione non è visibile durante il transito ne immediatamente prima, può manifestarsi dei mesi o degli anni prima di vedere il lavoro di fondo realizzato dai transaturniani.

Spesso si tratta di trasformazioni sul piano delle coscienze, di uno stile di vita che è radicalmente cambiato, si è prodotto un cambiamento del concetto di decoro. Accade che queste lente elaborazioni degli avvenimenti dolorosi e che questo quadrato, cambi la vita per sempre a causa di numerose dissonanze. Per i segni che abbiano ricevuto in pieno lo scuotimento del quadrato Plutone-Urano (primi decani dei cardinali: Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno), è venuta l’ora di girar pagina. L’ingresso di Saturno in Scorpione annuncia la fine della missione ad ampio respiro del transito di Plutone quadrato ad Urano su questo primo decano dei segni cardinali. Saturno in Scorpione, relazionandosi a Plutone, smorza la fase di restaurazione dai danni causati da Plutone. La combinazione di Saturno in Scorpione, aggiunto alle forze plutoniane ha tutto del profilo della Fenice, che rinasce dalle sue ceneri. La mutua reciprocità fra Plutone e Saturno, collegati da un aspetto armonico, ed unito ad uno dei più potenti aspetti (trigono Saturno Nettuno), in vista di un consolidamento dove si aprono le prospettive per una ricostruzione.     Una volta non è sempre, Saturno in Scorpione dona senso alle turbolenze iniziate anteriormente da Plutone, va a ristrutturare delle situazioni spezzate dal quadrato Plutone-Urano. Ciò potrebbe tradursi, dall’ottobre novembre 2012 dall’arrivo di soluzioni concrete, la fine di una situazione instabile o dolorosa col chiaro sentimento che si volta pagina, dove molto semplicemente si vede la fine dei problemi causati da Plutone-Urano. Potrà essere questione di un miglior controllo sugli avvenimenti*(il ciclo sole Saturno di interdipendenza si chiude nel 2017-18, con l’inizio di una fase trentennale di autonomia) di una sensazione di sollievo e di stabilità. Queste situazioni potranno riguardare le persone del primo decano del Cancro e del Capricorno, o aventi dei pianeti piazzati su questi primi decani. Grazie a questo sestile di reciproca mutualità, sarà possibile a certi segni di acquisire rilievo, e con un certo distacco poter avere una prima visione dell’esperienza Plutone-Urano, e di trarne le prime lezioni.

Saturno ponendosi in questo modo verso Plutone annuncia la fase di assimilazione del -dopo transito- del più lento dei pianeti, Plutone (prendendo in considerazione anche Sedna, di cui esistono le effemeridi, si può averne una visione più ampia, considerato che Sedna è significatore di impegno e passione, come ottava superiore di Venere), toccando, al culmine, l’asse Cancro- Capricorno e naturalmente i due altri segni cardinali, Ariete e Bilancia (asse equinoziale). Saturno in Scorpione sarà di una grande utilità ed i suoi effetti benefici saranno tanto percettibili quanto le sue rassegnazioni ed i suoi blocchi leggendari. Saturno no sarà venuto a fare il relais armonico a Plutone, l’assimilazione del del transito di Plutone quadrato ad Urano per questi segni cardinali sarà stato più lento. Questo bel legame astrologico tra Saturno e Plutone permetterà a quei segni presi nella tormenta di recuperare più in fretta del previsto, sempre mantenendo un certo grado di ansietà perché il colore dei suoi astri resta tuttavia oscuro. Il pessimismo o l’inquietudine potranno sussistere a dispetto del sentimento di ricostruzione. Plutone lascerà definitivamente in Dicembre i primi decani dei segni cardinali. La sua collera durerà per un lasso di tempo nel corso del quale Urano continuerà ad irritare (fino a marzo del ’13) i primi decani dei segni cardinali, poi il clima si infiammerà brutalmente. Per i primi decani l’esperienza con il quadrato Plutone Urano sarà terminato. Il secondo decano del Cancro e del Capricorno si preparano ad accogliere Plutone quadrato Urano a partire dal Marzo 2013. Beneficeranno immediatamente del sostegno di Saturno con la venuta di Urano quadrato a Plutone, Saturno sta in effetti progredendo rapidamente ed attende della fine di Gennaio, il X° e XI° grado  dello Scorpione distribuendo sestili al Cvapricorno e dei trigoni al Cancro del secondo decano favorendo per essi delle soluzioni immediate ai cambiamenti operati da Plutone-Urano. Grazie agli aspetti armonici  di Saturno si avrà una rapida integrazione di fronte ai cambiamenti imposti da Plutone-Urano. L’Ariete e la Bilancia (o tutti gli astri situati nel secondo decano), non saranno consolidati da Saturno in Scorpione. Gli astri situati nel secondo decano dell’Ariete s’avvantaggeranno del quintile di Saturno, aspetto chiave per l’evoluzione. Per essi si aprirà tutto un periodo di presa di coscienza di ciò che si è trascurato. Gli astri situati a 150° da Saturno, dovranno imparare, integrati dei loro valori saturniani, la pazienza e la disciplina, ciò che rischia di rappresentare una vera sfida per l’Ariete o gli astri in Bilancia che bruceranno d’impazienza sotto il fuoco di Urano ancora in transito in Bilancia, disaccordo garantito. Questo tandem Urano Plutone  lascerà i segni cardinali, rispettivamente nel 2019, questo quadrato non agirà invece con la stessa intensità sugli astri situati sul III° decano dei segni cardinali come avrà fatto coi pianeti sul primo e secondo decano.    Riguardo all’ulteriore transito di Plutone-Capricorno sui pianeti situati sui terzi decani dei cardinali, Urano avrà accelerato e si accosterà alla fine dell’Ariete, sarà distaccato da Plutone attenuandone le remore. Il ciclo Urano-Plutone che si è risvegliato da qualche mese distribuirà esperienze di differenti intensità secondo la sua progressione sull’angolo Bilancia- Capricorno. Per quelli che sono nati alla fine dell’ultimo decano dei cardinali (o aventi degli astri sul terzo decano dei cardinali), Urano sganciato da Plutone formerà un trigono a Saturno-Sagittario del quale sostenere tutte le ambizioni. Nel 2024 Nettuno avrà fatto del cammino e sarà al centro del segno dei Pesci, speriamo che l’astro abbia portato ancor più di umanità in questo mondo attualmente sostenuto dal ciclo Urano-Plutone.

Par Valérie Darmandy, le 2012/08/14 à 18:37

copyrighta92g1c61

Advertisements

Poster un commentaire

Classé dans Pluton, Pluton carré Uranus, réception mutuelle de planètes, Saturne, Saturne en Scorpion en Octobre 2012, Uranus

Les commentaires sont fermés.